Tris verdure in crosta di farina

SKU01026787

DISPONIBILE
Congelato
Nuovo arrivo: No
Descrizione
Tris di verdure ( zucchine, cavolfiori, carciofi) in crosta di farina di grano surgelate
SCHEDA TECNICA
Consigli utilizzo:
In friggitrice con olio a 170 gradi per 2 minuti; in friggitrice ad aria a 170 gradi per 7 minuti; in forno ventilato a 170 gradi per 10 minuti; in forno statico a 200 gradi per 10 minuti
Modalità conservazione:
A -18 gradi
Descrizione confezione:
Busta
Marchio: Spirito contadino
Provenienza:
Italia
Ingredienti:
Verdure in prop. variabili 54% (zucchine, cavolfiori, carciofi), farina di grano, patate disidratate, latte scremato in polvere, sale, olio di semi di girasole, lievito, pepe
Allergeni:
Contiene glutine e latte. può contenere crostacei e senape
Pezzi per confezione:
140 - 145

L’immagine del prodotto è da ritenersi a titolo esemplificativo e il peso riportato è da considerarsi indicativo.

Le schede tecniche dei prodotti possono subire modifiche e/o aggiornamenti senza preavviso, fare sempre affidamento all'etichetta del prodotto per quanto concerne ingredienti, allergeni e modalità di utilizzo.

ARTICOLI E INIZIATIVE

Cannocchie
RICETTE  PRODOTTI 
Canocchie: qualche idea per un menu di mare nostrano e delizioso
Le canocchie o cicale di mare (Squilla mantis) sono un crostaceo molto diffuso lungo le coste della nostra penisola e sono perfette per preparare deliziosi piatti di pesce. Ecco qualche idea per il menu estivo del tuo ristorante.
20 giu 2024
Leggi ora l’articolo
RICETTE 
Philadelphia: I 6 segreti per un panino di successo
Lo street food si trasforma in un'esperienza gourmet con l'uso innovativo di Philadelphia Professional in panini distintivi. La reinterpretazione di un classico panino sottolinea la riconoscibilità e l'eccezionale qualità del prodotto, fondamentale nell'eccellenza culinaria di questo contesto.
20 giu 2024
Leggi ora l’articolo
PRODOTTI 
Pecorino stagionato in grotta: il sapore artigianale della tradizione toscana
Il Pecorino Grotta delle Fate del Caseificio Seggiano è il frutto di una sapiente lavorazione artigianale e della ricerca continua di nuove lavorazioni per riscoprire gli antichi sapori del pecorino di una volta.
20 giu 2024
Leggi ora l’articolo